La Condivisione dei Contenuti è importante per me!

Come l’Ipnosi è utile nel trattamento della Fibromialgia?

Come fa l’Ipnosi, una tecnica diretta ad aumentare la capacità ricettiva di sé stessi, ad essere utile nella gestione di un problema come quello del dolore cronico e della Fibromialgia?

Tutti conosciamo la divisione “accademica” tra dolore acuto e dolore cronico.

Un dolore acuto è un dolore improvviso, dove spesso la relazione causa-effetto è ben individuabile. Per esempio, il dolore che percepisci dopo una contusione o una caduta.

Il dolore cronico è sì, un dolore che dura da “un pò più di tempo del normale”, ma è anche una tipologia di dolore che ad oggi sembra essere quasi la normalità, nella popolazione occidentale, ed affligge la quasi totalità dei pazienti che accedono alle prestazioni fisioterapiche e/o ortopediche. Nel mio campo (fisioterapico), mi capita spesso di incontrare questi pazienti, che arrivano a me dopo una lunga trafila di visite specialistiche ed esami diagnostici spesso non conclusivi.

In realtà in queste situazioni, il continuo vagare tra gli specialisti è derivato da una incapacità di trovare una relazione tra una struttura anatomica e il dolore percepito dal paziente.

Come approcciare al dolore cronico?

Questo è il motivo per il quale ho inserito nel mio approccio terapeutico l’utilizzo dell’ipnosi; perché incominciava a diventare fondamentale spostare l’attenzione del paziente dal dolore anatomico, a quello che in realtà è un lavoro interno, di modulazione, di intervento attivo del paziente dal punto di vista mentale.

Il paziente diventa l’artefice dei suoi cambiamenti.

Tendenzialmente si lavora sul dolore attraverso due meccanismi: o sui recettori del dolore che ad altro non corrisponde, usando parole semplici, che alla zona di dolore; oppure possiamo interagire sulla componente emozionale del dolore.

Con l’Ipnosi possiamo lavorare sia sulla percezione del dolore, modulando l’intensità, o sulle componenti motivazionali ed emozionali del paziente, che potrebbero essere concausa del dolore della persona.

La mente del paziente ha un potere incredibile di guarigione, oltre che sulla percezione del sintomo