La Condivisione dei Contenuti è importante per me!

Allenamento o Riposo?

Il riposo a letto non è mai la migliore cura per il dolore cronico!

Anzi, al contrario l’inattività e la mancanza di esercizio fisico può solo peggiorare la sintomatologia. Lo so. Può spaventare parlare di allenamento quando abbiamo dolori cronici, perenni… ma la realtà è semplicemente questa. Rimanere attivi, cercare di avviare una routine di esercizi aerobici, magari anche con l’ausilio di pesi, aiuta a migliorare i sintomi derivati dal dolore cronico, questo grazie anche al rilascio di “ormoni del benessere“, come la serotonina.

Certo, parlare è facile; ma nella realtà le cose possono essere ben diverse!

Da dove iniziare?

Quando si inizia uno sport, durante gli allenamenti viene sempre ripetuto dagli istruttori che ogni gesto ed esercizio va eseguito sempre in sicurezza e senza pretendere troppo dal proprio corpo. In parole povere, se si è neofiti è normale che all’inizio tutto sembri troppo difficile, anche per chi non soffre di fibromialgia. Quindi è essenziale darsi il giusto tempo. Nessuno ci corre dietro e, a meno che non veniamo pagati per allenarci, possiamo essere noi stessi a dettare le regole su che regime di allenamento seguire, con quali tempi, con quale intensità.

Premettendo questo, la cosa più difficile che ci rimane da fare è una sola:

Iniziare

La decisione spetta a noi. Qual’è il vostro obiettivo? Limitarsi o reagire?

Sappiamo che:

L’esercizio fisico fa bene per la cura e la gestione del dolore cronico; per facilitare l’attenuazione, ed in alcuni casi la remissione dei sintomi, bisogna essere il più attivi possibile. Si può iniziare con attività anche leggerissime, con lo Yoga per esempio, ma dobbiamo INIZIARE.

Spesso il riposo non aiuta. Quante volte se dormi troppo ti senti “rotto”? Quante volte il troppo riposo ti fa stare peggio? Non è una caso se anche in chi non soffre di fibromialgia un riposo eccessivo ed una prolungata astensione dalle attività quotidiane ed un’evitazione dell’allenamento, porta ad un peggioramento dei dolori.

L’esercizio fisico previene le recidive di mal di schiena, dolori cervicali, dolori alle spalle e di quasi ogni dolore muscolo-scheletrico. Non vuol dire che diventerai invincibile, ma diminuirai la possibilità di stare male.

La paura del movimento è un modo per generare ancora più tensioni muscolari: più ne hai paura e più farà male!

L’allenamento e l’esercizio fisico in generale vanno fatti in serenità. Solo se fatto con piacere e non come un obbligo diventa efficace. Ecco perché da fisioterapista io ti suggerisco di capire qual’è la tua strada. Il personale sanitario ti può consigliare, ma devi essere tu a scegliere. Se diventa un obbligo risulta inutile. L’allenamento deve essere fatto in tranquillità, senza paura o forzature. Ecco anche perché può essere suggeribile iniziare con lo Yoga.

L’esercizio migliore è quello che ti piace. Lascia stare quello che ti suggeriscono, deve piacere a te, altrimenti non ti sarà da stimolo. Un’indicazione può essere utile all’inizio, ma poi sei tu a scegliere. E ricordati: anche se dovesse smettere di piacerti un metodo di fare esercizio, puoi sempre cambiare idea. Sei tu che decidi!

Sentire dei dolori dopo l’esercizio è normale. Chiunque pratichi un attività nuova soffre di dolori muscolari anche dopo. Solo che adesso saprai che sono arrivati per un motivo.

L’esercizio fisico deve essere regolare. Prova ad eseguire almeno 150 minuti di allenamenti a settimana. Come, quando e quanto sei tu a deciderlo!

Non esiste farmaco che possa essere efficace quanto l’esercizio fisico. Un professionista può aiutarti a scegliere, a farti sentire più sicura, ma se prima non capisci questa frase non conteranno nulla le altre cose che ti diranno…quindi permettimi di ripeterlo:

Non esiste farmaco che possa essere efficace quanto l’esercizio fisico

Il mio scopo è farti capire che anche da solo/a sei in grado di aiutarti! Inizia a farlo.